La prevenzione dentale in età pediatrica


Una corretta igiene dentale si ritiene fondamentale già dall’infanzia. I bambini che apprendono l’importanza di una buona abitudine, come quella di curare la propria bocca, saranno adulti con minori problemi dentali e gengivali. Al contrario, trascurare tale passaggio porterà a spiacevoli conseguenze, che inizieranno a manifestarsi già in età adolescenziale.

I genitori dovrebbero inculcare nel bambino una sorta di senso del dovere, legato all’igiene del proprio cavo orale, cercando di far capire al piccolo quali sono i rischi a cui va incontro sottraendosi a tale compito.

Tutto ciò che rientra nella cosiddetta prevenzione dentale, va preso seriamente in considerazione, già in età pediatrica, così da donare al proprio figlio un metodo corretto, che conserverà negli anni.


La prassi casalinga


Il momento ideale per insegnare al proprio figlio che un corretto metodo di prevenzione dentale domestica coincide con lo spuntare dei primi dentini. È fondamentale svolgere la prassi del lavaggio insieme al piccolo, così da inserirla nella routine quotidiana.

Al termine di ogni pasto si consiglia di effettuare una pulizia dentale insieme al proprio bambino, così che quest’ultimo possa apprendere una giusta tecnica di spazzolamento.

Svolgere in coppia questa attività può rivelarsi utile anche per controllare la parte posteriore della bocca, luogo in cui si concentra la maggior parte dei residui di cibo.

In questa prima fase è bene scegliere un dentifricio non troppo aggressivo, indicato per la giovane età del bimbo.

Quando i genitori lo riterranno opportuno, si potrà insegnare al piccolo anche un corretto e costante utilizzo del filo interdentale, ottimo alleato della prevenzione.


Una buona abitudine


Congiuntamente alle corrette abitudini domestiche, gli specialisti consigliano ai genitori di programmare delle apposite visite, nelle quali il dentista possa controllare con regolarità lo stato di salute del cavo orale.

Molto spesso, infatti, si commette l’errore di rivolgersi ad uno studio dentistico solo in presenza di disturbi o patologie, tralasciando l’adempimento di tale obbligo in situazioni contrarie.

La verità è che un bambino in età pediatrica, soprattutto in ragione dell’alimentazione e di una scarsa igiene dentale, ha bisogno di sottoporsi a periodici controlli, per evitare il rischio di sviluppare, in seguito, patologie di vario genere.

Allo stesso modo, solo attraverso l’intervento di un esperto in materia sarà possibile scoprire eventuali problematiche scheletriche ed odontoiatriche del bimbo, con la possibilità di correggerle tempestivamente.

Per la salute orale del tuo piccolo affidati al Dottor Paolo Redolfi, che da anni opera con successo nel campo della prevenzione dentale. Accedi alla sezione contatti per conoscere numeri ed indirizzi utili.